Nutrizione e Patologie

INDIETRO

ALIMENTAZIONE E ALZHEIMER

Qualche mese fa è partita in Usa una sperimentazione, che coinvolge 500 persone, su una miscela di sostanze naturali che ha già dato buoni risultati sia sull’animale sia su un campione di 100 persone affette da Alzheimer di grado lieve. La miscela, analizzata nel dettaglio in una recente rassegna su Annual Review of Nutrition da Richard J. Wurtman, uno dei più importanti studiosi di nutrizione cerebrale, direttore di ricerca del Massachussetts Institute of Technology, contiene colina, DHA (un acido grasso omega 3 a catena lunga) e uridina. Si è visto che queste sostanze facilitano la corretta sintesi dei principali costituenti della membrana del neurone, in particolare di un fosfolipide chiamato fosfatidilcolina, un nome noto anche ai non addetti ai lavori perché è il principale costituente della lecitina di soia, prodotto usato per controllare il colesterolo e ben presente negli scaffali dei supermercati oltre che delle farmacie.

 

La miscela sotto esame favorisce sia la sintesi di fosfolipidi sia di proteine che compongono la membrana dei neuroni. Nell’animale trattato si è visto che le membrane così rivitalizzate rendono il neurone più attivo e quindi facilitano lo sviluppo di connessioni tra cellule nervose, le cosiddette sinapsi. Nell’Alzheimer, le placche che si depositano nel tessuto cerebrale distruggono le sinapsi e questo mette in crisi le funzioni del cervello, in primo luogo la memoria. Rivitalizzare le sinapsi può essere quindi una strada molto promettente per contrastare il declino cognitivo.

Ma c’è un altro aspetto rilevante: i fosfolipidi, che contengono acidi grassi omega 3 , come il DHA di cui sopra, riducono anche l’infiammazione. E l’infiammazione è l’aspetto centrale dell’Alzheimer. Infatti è ormai chiaro che le placche di per sé non sono sufficienti a spiegare l’insorgenza e lo sviluppo della malattia. Anche un normale cervello senile può essere ricco di placche e ciononostante conservare sostanzialmente le sue funzioni. La differenza la fa l’infiammazione: le placche dell’Alzheimer sono infiltrate da cellule (dalla cosiddetta microglia) che producono una grande quantità di sostanze infiammatorie: sono loro che distruggono le sinapsie fanno morire i neuroni. Non è un caso che le speranze nel campo della diagnosi precoce riguardano proprio la messa a punto di un esame del sangue che, valutando i segnali infiammatori, possa predire con sicurezza lo stadio della malattia anche quando non è ancora manifesta. L’infiammazione nel cervello è anche il risultato dell’alimentazione: una dieta ricca di grassi saturi e di omega-6, come l’acido arachidonico contenuto nella carne rossa, può alterare la composizione della membrana del neurone e favorire l’infiammazione. Al contrario di una dieta ricca di verdura, frutta e pesce.

fonte:www.simaiss.it